PESCA ALLA TROTA - EVENTI, REGOLAMENTI E PERMESSI

      

Regolamenti e permessi per pescare nelle acque della provincia del Verbano Cusio Ossola ed in particolare in Val d'Ossola

 

Permessi per pescare in Val d'Ossola

 

Ogni pescatore non professionista, che desidera esercitare la pesca dilettantistica nelle acque della Val d’Ossola deve munirsi dei seguenti permessi di pesca (licenze di pesca).

 

Distinguiamo innanzi tutto:

 

A)

Per PESCARE NEI LAGHETTI “PRIVATI” dedicati alla pesca sportiva non serve avere la “licenza di pesca” (licenza governativa) ma occorre aver pagato la quota associativa dell’Associazione di riferimento che gestisce il laghetto stesso (Assolaghi piuttosto che ArciPesca, etc...).

Oltre alla quota associativa (solitamente annuale) che dovreste pagare per pescare in queste acque considerate “private” occorrerà pagare un “biglietto” (giornaliero/orario/a numero di catture/a peso delle catture), per il quale vi rimandiamo alla direzione di ogni singolo laghetto...

I laghetti di pesca sportiva presenti in Val d’Ossola sono i seguenti (in ordine da sud a nord):

 

B)

Per PESCARE NELLE ACQUE “PUBBLICHE” della Provincia del Verbano Cusio Ossola (sia nelle acque libere che in quelle eventualmente date in concessione alla F.I.P.S.A.S., all’Ente Parco Veglia Devero, che agli eventuali altri Enti Locali) ovvero per pescare nei fiumi, torrenti, laghi e laghetti alpini della Val d’Ossola occorre innanzi tutto essere muniti della Licenza di Pesca governativa di tipo B ovvero licenza governativa per la pesca dilettantistica.

 A questo punto distinguiamo la normativa in base alla residenza del pescatore.

 

B.1)

Per la stagione di pesca alla trota 2016, il PESCATORE RESIDENTE NELLA PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA, che vuole essere in regola con la licenza di pesca (licenza governativa) deve pagare le seguenti tasse (consistenti in due bollettini postali o bonifico bancario):

 

Totale Euro 35,00 all’anno.

 

La licenza di pesca si intende tacitamente rilasciata al momento del pagamento di entrambe le tasse, in caso di controllo delle autorità preposte (lo sono tutte le forze dell’ordine, i vigili urbani, le guardie provinciali e tutti guardia pesca delle acque eventualmente date in concessione ai vari enti) andrà esibita la ricevuta del pagamento e un documento di identità. La licenza di pesca così pagata ha validità 365 gg dal pagamento. Sono esenti dal pagamento della licenza di pesca governativa solo i bambini e i ragazzi fino al compimento del 14° anni di età.

Per avere i bollettini pre-compilati o i dati per effettuare il bonifico, rivolgetevi al nostro negozio di articoli pesca alla trota “Gentinetta” in centro Domodossola, dove potrete eventualmente avere ulteriori dettagli.

 

B.2)

 Il PESCATORE RESIDENTE IN ALTRA PROVINCIA/REGIONE deve pagare la licenza di pesca governativa alla sua regione/provincia di residenza. Vige una reciprocità tra province e regioni che, in sostanza, dice che: chi è “in regola” con la licenza di pesca della propria Regione/Provincia può liberamente pescare (pesca dilettantistica) nelle acque libere di tutto il territorio italiano. Dunque non deve pagare null’altro se viene in Val d’Ossola a pescare nelle acque libere (attenzione è diverso se viene a pescare nelle acque in concessione alla FIPSAS).

Per ogni ulteriore dettaglio rivolgetevi al negozio Gentinetta articoli pesca alla trota oppure mandate una mail al nostro negozio on line di canne trota ovvero scrivete a: [email protected].

 

B.3)

Il PESCATORE RESIDENTE ALL’ESTERO che vuole essere in regola con la licenza di pesca (licenza governativa) deve pagare la seguente tassa (consistenti in un bollettino postale o bonifico bancario):

 

Totale Euro 14,00 (ATTENZIONE vale solo 3 mesi, se vuole permesso annuale paga come italiano).

 

La licenza di pesca si intende tacitamente rilasciata al momento del pagamento, in caso di controllo delle autorità preposte (lo sono tutte le forze dell’ordine, i vigili urbani, le guardie provinciali e tutti guardia pesca delle acque eventualmente date in concessione ai vari enti) andrà esibita la ricevuta del pagamento e un documento di identità. La licenza di pesca così pagata ha validità 3 mesi dal pagamento. Sono esenti dal pagamento della licenza di pesca governativa solo i bambini e i ragazzi stranieri fino al compimento dei 14 anni di età.

Per avere i bollettini pre-compilati o i dati per effettuare il bonifico, rivolgetevi al nostro negozio di vendita on line canne da pesca trota Gentinetta in centro Domodossola, dove potrete eventualmente avere ulteriori dettagli. Il nostro personale si rende disponibile ad aiutare il turista nella compilazione dei moduli (parliamo inglese, francese e tedesco).

 

Una volta pagate le tasse di concessione governativa, il pescatore può andare a pescare nelle acque libere di tutta la Provincia del Verbano Cusio Ossola, semplicemente tenendo in tasca un documento di identità e l’originali della ricevuta di pagamento (per pescare nelle acque libere, non esiste, al momento, alcun “libretto segnacatture”) rimane comunque da rispettare (e noi invitiamo tutti i pescatori a farlo) il regolamento di pesca della Legge Regionale nr. 36 nonché le ulteriori disposizioni dettate dalla provincia del Verbano Cusio Ossola.

 

A grandi linee segnaliamo quali sono le ACQUE “LIBERE” DELLA VAL D’OSSOLA ma invitiamo il pescatore a informarsi nello specifico rivolgendovi presso il nostro negozio di vendita mulinelli pesca trota Gentinetta in centro Domodossola.

Sono al momento acque “libere” (dove è sufficiente la licenza di pesca governativa) il torrente Anza in Valle Anzasca, il torrente Bogna in Val Bognanco, il torrente Cairasca in Val Divedro, il torrente Deverino in Valle Antigorio, il torrente Isorno in Valle Isorno, il torrente Melezzo Orientale e il torrente Loana in Valle Vigezzo.

Il fiume Toce solo nel comune di Formazza e in pochi altri brevi tratti nel comune di Domodossola (a sud del Ponte della Mizzoccola) e di Crevoladossola presso Oira (Pontemaglio-Pozzomaglione).

Tutti i laghi alpini sono al momento acque libere, tranne: il Lago di Morasco in Valle Formazza, il Lago di Antrona, il Lago di Cheggio e il Lago di Campiccioli in Valle Antrona).

Rimane invece in acque libere ad esempio il Lago di Onzo nel comune di Masera ed il Lago delle Fate in Val Quarazza (alta Valle Anzasca).

 

C)

Per PESCARE NELLE ACQUE “IN CONCESSIONE” ai vari enti che hanno in gestione alcuni fiumi, torrenti e laghi della Val d’Ossola, OLTRE ad aver pagato LA LICENZA DI PESCA GOVERNATIVA - di cui al pagagrafo B qui sopra - OCCORRE pagare un’ULTERIORE PERMESSO.

A questo punto distinguiamo quale tassa pagare e a quale ente...

 

C.1)

Per LE ACQUE IN CONCESSIONE ALLA F.I.P.S.A.S. Federazione Italiana Pescatori Sportivi e Attività Subacquee (di cui indichiamo a grandi linee le zone ma rimandiamo a leggere lo specifico regolamento) ovvero per gran parte il fiume Toce e il Lago di Morasco in Val Formazza, il torrente Ovesca in Valle Antrona compresi i Laghi di Antrona, Cheggio e Campiccioli, il torrente Diveria in Val Divedro, il torrente Melezzo Occidentale in Val Vigezzo, parte del Lago Maggiore e il Lago d’Orta.

 

Anche qui distinguiamo gli importi da pagare in base alla residenza del pescatore:

 

C.1.1)

Per la stagione di pesca alla trota 2016, il PESCATORE RESIDENTE NELLA PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA, che vuole essere in regola con il permesso di pesca FIPSAS deve pagare le seguenti quote (consistenti in un bollettino postale o bonifico bancario):

 

Totale Euro 34,00.

 

La quota associativa così pagata ha validità 365 giorni, mentre la quota per il rilascio del segnacatture ha validità fino al 31 dicembre. I bambini di età inferiore ai 15 anni (nati nel 2001 e seguenti) sono esenti dal pagamento del contributo per il rilascio del segnacatture e pagano una quota associativa ridotta (solo euro 6,00 anziché 25,00).

A differenza della licenza di pesca governativa, una volta pagate le quote di cui sopra, il pescatore con gli originali delle ricevute del pagamento deve recarsi da noi, presso il negozio di pesca Gentinetta in centro Domodossola, per ritirare il libretto segnacatture per le acque FIPSAS del Verbano Cusio Ossola (il rilascio del libretto segnacatture viene fatto sul momento, esibendo tutte le ricevute di pagamento e CONSEGNANDO IL LIBRETTO SEGNACATTURE DELL'ANNO PRECEDENTE).

Il libretto segnacatture vale fino al 31 dicembre e andrebbe riconsegnato a fine anno ma solitamente noi lo ritiriamo al momento del rilascio del nuovo segnacatture nell’anno successivo.

 

C.1.2)

Il PESCATORE RESIDENTE IN ALTRA PROVINCIA deve pagare la tessera Fipsas della sua provincia di residenza. Vige una reciprocità tra le varie sezioni Fipsas provinciali che dice chi è “in regola” con la Fipsas della propria provincia può pescare nelle acque in concessione alle Fipsas delle altre province di tutto il territorio italiano, pagando in loco il contributo (se previsto) per il rilascio del libretto segnacatture della specifica provincia dove si vuole pescare. Il pescatore dunque, può venire a pescare nelle acque in concessione alla Sezione Pescatori del Verbano Cusio Ossola, semplicemente recandosi presso il nostro punto vendita Gentinetta articoli Pesca a Domodossola, e pagando (in contanti) direttamente presso di noi euro 9,00 quale contributo previsto per il rilascio del segnacatture provincia VCO 2016.

Ricordatevi di portare con voi gli originali delle ricevute di pagamento della quota Fipsas della vostra provincia e il vecchio segnacatture del VCO (se lo avete fatto l’anno precedente).

Il rilascio del segnacatture viene fatto al momento. Il libretto segnacatture vale fino al 31 dicembre e andrebbe riconsegnato a fine anno ma solitamente noi lo ritiriamo al momento del rilascio del nuovo segnacatture nell’anno successivo.

 

C.1.3)

Il PESCATORE RESIDENTE ALL’ESTERO che vuole pescare nelle acque in concessione alla FIPSAS sezione Pescatori VCO deve essere in regola con il pagamento della quota di:

 

Totale Euro 25,00 all’anno.

 

Il pescatore residente all’estero può pagare con bonifico bancario oppure venire a ritirare il bollettino postale pre-compilato presso il nostro negozio articoli pesca alla trota Gentinetta in centro Domodossola e recarsi al vicino ufficio postale per effettuare il pagamento (il nostro personale si rende disponibile ad aiutare il turista nella compilazione del modulo - parliamo inglese, francese e tedesco -). I bambini e i ragazzini minori di 15 anni (nati nel 2001 e seguenti) pagano la quota associativa ridotta ovvero solo euro 6,00 anziché 25,00.

Dopo aver pagato la quota associativa, il pescatore può venire presso il nostro punto vendita a ritirare gratuitamente il segnacatture per le acque Fipsas del VCO (il turista straniero è infatti esonerato dal versamento dei 9,00 euro del contributo per il segnacatture).

Il rilascio del segnacatture viene fatto al momento, mostrando un documento di identità, la ricevuta del pagamento e consegnando il segnacatture della stagione precedente (se lo ha fatto). Il libretto segnacatture vale fino al 31 dicembre e andrebbe riconsegnato a fine anno ma solitamente noi lo ritiriamo al momento del rilascio del nuovo segnacatture nell’anno successivo.

 

In alcuni tratti di acque in concessione alla FIPSAS sez. Provinciale VCO, ci sono delle cosiddette AREE DI PESCA A REGOLAMENTAZIONE SPECIALE ovvero:

 

nonché

 

In queste aree specifiche, dove, in particolare per la pesca turistica e la pesca facilitata vengono intensificate le semine ogni 15 giorni, oltre alla tessera associativa e al segnacatture occorre munirsi di specifico permesso giornaliero o stagionale. Tutti i permessi sono acquistabili direttamente presso il nostro punto vendita di articoli per la pesca alla trota in centro Domodossola.

 

Dettagliamo qui i costi aggiuntivi per queste aree di pesca a regolamentazione speciale:

 

AREA DI PESCA TURISTICA TORRENTE DIVERIA in Valle Divedro
In un bellissimo tratto del Torrente Diveria, presso Varzo in Valle Divedro, da maggio ad ottobre verranno fatte settimanalmente delle semine intensive di trote salmonate tra cui esemplari del peso superiore a 1 Kg (anche pezzature da 3 kg!).

Il costo giornaliero (oltre alla licenza di pesca governativa e alla tessera FIPSAS) è pari a euro 20,00 e permette la possibilità di trattenere 4 catture. Possibilità di acquistare un secondo permesso giornaliero (totale 4+4 = 8 catture al giorno). N.B. Il permesso giornaliero, debitamente compilato, a fine pescata va imbucato presso la specifica cassetta sul fiume in prossimità del parcheggio.

Per reperire il biglietto di pesca giornaliero potete recarvi presso il nostro punto vendita di articoli pesca alla trota in centro Domodossola (oppure anche in loco nel paese di Varzo).

 

AREA DI PESCA TURISTICA FIUME TOCE DIGA DI PIEDILAGO
Presso località Piedilago nel comune di Premia in Valle Formazza, nel mese di luglio e agosto, in occasione della pesca turistica sperimentale nella Diga di Piedilago, verranno fatte settimanalmente delle semine intensive di trote iridee adulte e di conseguenza oltre alla licenza di pesca governativa e alla tessera Fipsas il pescatore che vuole pescare qui dovrà munirsi di permesso giornaliero, il cui costo sarà di 15.00 euro al giorno. Tale permesso permette di trattenere nr. 3 catture con la possibilità di acquistare (anche in loco) un secondo permesso giornaliero (totale 3+3=6 catture al giorno).

Il permesso giornaliero, debitamente compilato, va imbucato a fine pescata, nell’apposita cassetta presso il bar ristorante di Piedilago.

 

AREA DI PESCA TURISTICA LAGO DI ANTRONA e AREE DI PESCA FACILITATA

Nel lago di Antrona nei pressi del paese di Antrona Schieranco in Valle Antrona, nonché a Villadossola sul torrente Ovesca e a Crodo in Valle Antigorio sul fiume Toce vengono fatte delle semine intensive di trote a misura ogni 15gg (con semine a settimane alternate tra Toce e Ovesca). Il costo giornaliero (oltre alla licenza di pesca governativa e alla tessera FIPSAS) è pari a euro 15,00. Possibilità di pagare un permesso stagionale pari a 60,00 euro (Bollino Azzurro) che per i ragazzi di età inferiore ai 15 anni (nati nel 2001 e seguenti) costa solo 20,00 euro a stagione. Le catture consentite in queste aree sono solo di 8 capi al giorno. Sia il biglietto giornaliero che il bollino azzurro sono acquistabili sul momento recandosi presso il negozio di vendita on line attrezzature da pesca Gentinetta di Domodossola (ricordarsi di portare con se il segnacatture).

 

AREE DI PESCA NO KILL

Nel fiume Toce solo nel tratto presso Verampio in Valle Antigorio, vige il regolamento della “pesca no kill”. Il costo stagionale (oltre alla licenza di pesca governativa e alla tessera FIPSAS) è pari a 25,00 euro (Bollino Verde), ne sono esenti i bambini e i ragazzini minori di 15 anni (nati nel 2001 e seguenti). Il Bollino Verde è acquistabile sul momento presso il nostro punto vendita negozio Gentinetta di attrezzature da pesca on line in centro Domodossola. Finita la stagione di pesca alla trota, lo stesso bollino permette di pescare i cavedani nella riserva di pesca invernale del basso Toce.

 

AREE DI PESCA INVERNALE SPERIMENTALE della TROTA IRIDEA

Sul Torrente Ovesca presso Villadossola (da metà ottobre a fine dicembre) nello stesso tratto in cui in stagione viene fatta la Pesca Facilitata, chi è già in possesso della licenza governativa e della tessera Fipsas potrà ancora pescare la trota iridea acquistando il biglietto giornaliero del costo di euro 15,00 che permette di trattenere nr. 3 capi a permesso con possibilità di acquistare un secondo permesso al giorno (3+3=6 catture al giorno). Permessi acquistabili presso il nostro punto vendita canne da trota Gentinetta di Domodossola.

 

Nonché

 

AREA DI PESCA INVERNALE DEL CAVEDANO

Sul basso Fiume Toce tra Migiandone e Gravellona (da ottobre a dicembre) con l’acquisto del Bollino Verde da 25,00 euro (oltre alla licenza di pesca governativa e la tessera Fipsas) è possibile catturare i cavedani fino a 5 kg al giorno.

 

C.2)

PER LE ACQUE IN CONCESSIONE ALL’ENTE PARCO VEGLIA DEVERO

Nell’area del Parco sia all’Alpe Veglia che all’Alpe Devero,  vige lo specifico regolamento emesso dall’Ente Parco, dove, oltre al pagamento della licenza di pesca governativa (paragrafo B) occorre munirsi di specifico permesso giornaliero o settimanale o stagionale dell’Ente Parco (N.B. non serve la tessera FIPSAS). Nel caso vi invitiamo a rivolgervi direttamente all’Ente Parco per informarvi su costi e regolamenti.

 

C.3)

PER LE ACQUE IN CONCESSIONE AL COMUNE DI MERGOZZO

Per pescare nel Lago di Mergozzo, oltre alla licenza di pesca governativa, occorre munirsi di apposito permesso rilasciato dal Comune di Mergozzo. Consigliamo di rivolgersi direttamente al Comune di Mergozzo stesso.

 

Regolamento per la pesca alla trota in Val d'Ossola (e nelle acque del Verbano Cusio Ossola)

 

Qui di seguito riassumiamo brevemente il regolamento ma rimandiamo il pescatore a leggersi tutta la legge specifica o informarsi più dettagliatamente presso il nostro negozio articoli pesca alla trota.

 

DATA DI APERTURA pesca alla trota e salmerino

Dalle ore 7.00 dell’ULTIMA DOMENICA DI FEBBRAIO (e comunque al disgelo delle acque). Tranne la pesca nei LAGHI ALPINI che apre alle ore 6.00 della PRIMA DOMENICA DI GIUGNO ad esclusione di alcuni LAGHI ALPINI (MORASCO, CHEGGIO, CAMPICCIOLI e Lago DELLE FATE) per i quali la pesca apre alle ore 6.00 della PRIMA DOMENICA DI MAGGIO.

La pesca del Temolo è invece consentita dalle h. 4.30 della prima domenica di giugno.

 

DATA DI CHIUSURA pesca alla trota e salmerino

Al tramonto della PRIMA DOMENICA DI OTTOBRE (e comunque prima del gelo delle acque). N.B. fanno eccezione la pesca invernale nel basso Toce (solo cavedano) e la pesca turistica invernale nel torrente Ovesca e nel Lago di Antrona - solo per trota iridea -).

 

NUMERO LIMITE DI CATTURE di trote

18 capi al giorno (tra Trota Iridea, Trota Fario, Trota Mormorata, Ibrido e Salmerino) nello specifico: totali 10 Trote Iridee al giorno, 8 Trote Fario al giorno, 2 Trote Mormorate al giorno (massimo 10 all’anno).

Attenzione che il numero di Trote Mormorate o ibridi si somma a quello delle Trote Fario ovvero se si è catturata nr. 1 Trota Marmorata, si possono pescare ancora solo 7 Trote Fario!). Idem succede se si pesca un temolo, il numero delle catture di trote fario scende a 7.

Attenzione che si può arrivare a 18 trote solo se non si è, nel mentre, raggiunta la quota massima di una sola specie (esempio se ho catturato 9 trote iridee di fila, posso continuare a pescare fino alla cattura di 8 Trote Fario o fino alla decima trota iridea).

 

MISURA LIMITE DEL PESCE CATTURATO

Trota Iridea 20 cm, Trota Fario 22 cm, Trota Mormorata e Ibrido 35 cm, Salmerino 22 cm. Tutto il pescato con misure inferiori al limite consentito va rilasciato in acqua slamandolo velocemente e delicatamente.

 

ATTREZZI CONSENTITI

In tutta la Val d’Ossola e della Provincia del VCO si può pescare con una sola canna ad eccezione del Lago di Antrona, Lago Maggiore e Lago d’Orta dove è possibile pescare con 2 canne.

 

ESCHE CONSENTITE

Camole del miele; Vermi di terra (Lombrichi), Caimani, cucchiaini, minnows, pesciolini artificiali (tipo Rapala), mosca singola galleggiante, moschiera di 4 mosche galleggianti (senza ardiglione), pesciolini naturali, pasta, camole artificiali e tutto ciò non espressamente vietato.

 

ESCHE VIETATE

Larve di mosca cartaria (cagnotti), uova di salmone e in genere uova naturali di pesce (placenta). E’ vietata qualsiasi forma di pasturazione ad eccezione del Lago d’Orta, Lago Maggiore (solo nelle zone dedicate) e nella zona del basso Toce presso la foce.

 

Per ogni ulteriore dettaglio vi invitiamo a mandare una mail a [email protected] oppure rivolgervi direttamente presso il nostro negozio vendita on line canne e mulinelli da pesca alla trota “Gentinetta articoli pesca” in centro Domodossola.